Prima che sia troppo tardi: Strudel con pesche, mandorle e uvetta

Prima che sia troppo tardi condivido questa ricetta. Nonostante le pesche si trovino ancora, la loro stagione è ormai quasi giunta al termine. 
Questa ricetta è stata un po’ una scoperta… una piacevole scoperta nata proprio da una pura e semplice sperimentazione “per necessità”. Si perché come già vi avevo detto qui, le mele a casa non sono molto gradite, ma per non rinunciare al piacere delle strudel ho fatto un po’ di modifiche alla ricetta classica, ed ecco comparire le pesche al posto delle mele, le mandorle a quello dei pinoli e l’uvetta.
Devo dire che è una valida alternativa. Avete ancora delle pesche nel frigo? Questo è un ottimo modo per utilizzarle!
Q.b.-Quanto Basta.: Studel con pesche mandorle e uvetta
Per 6/8 persone
Tempo di preparazione: 15 minuti.
Tempo di cottura: 30 minuti.
INGREDIENTI
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
2 pesche noci (ma anche altri tipi vanno benissimo)
50 gr uvetta
40 grammi di mandorle spellate
40 gr biscotti secchi
30 gr zucchero semolato
1 tuorlo
Q.b. latte
Q.b. cannella
 
PROCEDIMENTO

1. Ammollare l’uvetta in acqua tiepida, o se preferite in un liquore a vostro piacere.
2. Tritare le mandorle (non devono diventare farina, ma piccoli pezzettini).
3. Tritare i biscotti (anche in questo caso, non devono diventare farina).
4. Tagliare le pesche a quadratini (io ho lasciato la buccia).
5. Srotolare la pasta sfoglia e iniziare a farcirla stendendo sopra prima i biscotti sbriciolati, poi le mandorle, lo zucchero, l’uvetta ben strizzata ed infine le pesche. Lasciate circa due dita di bordo libero altrimenti farete fatica ad arrotolarlo.
6. Arrotolate la pasta sul ripieno, aiutandovi con la carta sottostante, in modo da formare uno strudel, piegate i bordi per evitare la fuoriuscita del ripieno e trasferite lo strudel sulla teglia da forno.
7. Con un coltello fate qualche piccola incisione sulla superficie e spennellare con il tuorlo sbattuto con l’aggiunta di un goccio di latte.
8. Infornare a forno già caldo a 180° per circa 30 minuti o fino a quando non sarà dorato. Servire tiepido.
Condividi questo articolo...
10 Commenti
  • Erica Di Paolo
    Pubblicato alle 13:56h, 01 ottobre Rispondi

    Io sento già la mancanza delle pesche….. 🙁 Ma con questo strudel mi tirerei un po' su : )))))
    Grande Barbara!!!!!

    • Barbara Gallazzi
      Pubblicato alle 14:12h, 01 ottobre Rispondi

      Non me lo dire.. mancano tanto anche a me.. un po' come tutta la frutta estiva!!!
      Grazie, buon pomeriggio.. a presto!

  • Camilla Conti
    Pubblicato alle 16:34h, 01 ottobre Rispondi

    Anch'io piango un po'… le pesche sono il mio frutto preferito e nello strudel devono essere il massimo… ma dovrò aspettare il prossimo anno! A presto Camilla dolci creazioni

    • Barbara Gallazzi
      Pubblicato alle 15:00h, 04 ottobre Rispondi

      Qualcuna la trovi ancora in giro.. ancora incredibilmente buona.. ma il tempo stringe!!! 🙂

  • Maddalena Laschi
    Pubblicato alle 20:05h, 01 ottobre Rispondi

    Le pesche al posto delle mele? Intrigante!!!! Mi piace cara, bravissima!

  • Simona Stentella
    Pubblicato alle 20:30h, 01 ottobre Rispondi

    Un dolce davvero stupendo Barbara! Anche i colori sono davvero bellissimi!

    • Barbara Gallazzi
      Pubblicato alle 15:01h, 04 ottobre Rispondi

      Grazie!!! La foto non è tra le miei preferite ma non sai quante volte l'ho rifatta e non mi piaceva.. a differenza dello strudel! 😉

  • www.mipiacemifabene.com
    Pubblicato alle 06:49h, 15 ottobre Rispondi

    é ora di colazione e vedo questo strudel… :-O Mi sento una vittima affamata! 😀

  • Barbara Gallazzi
    Pubblicato alle 11:47h, 15 ottobre Rispondi

    Ahaha… Come ti capisco… anche io prima passando per il tuo blog all'ora di pranzo sono stata letteralmente attratta… 🙂

Commenta l’articolo

Seguimi su Instragram